Carta Prepagata Revolut in Italia: Costi e Opinioni

Carta Prepagata Revolut in Italia- Costi e Opinioni

Caratteristiche Carta Prepagata Revolut

Revolut è la nuovissima carta prepagata del circuito Mastercard che ha la caratteristica di essere versatile e utile per differenti esigenze. Emessa da Revolut, una società inglese che offre servizi bancari specializzata soprattutto in tassi di cambio, valute e bitcoin, la carta prepagata Revolut è una tra le pochissime carte attualmente esistenti che presenta numerose funzioni.

Si tratta di una carta conto, ossia è associata ad un conto corrente online, può essere utilizzata in modalità contactless per gli acquisti di importo minimo, è ideale per le spese effettuate all’estero e riesce a gestire addirittura fino a 5 criptovalute differenti oltre alle 24 valute per i bonifici da e verso l’estero.

Ma non solo! Revolut può essere collegata ad un’app scaricabile sul proprio smartphone e non richiede alcun costo per il canone annuo, il plafond è illimitato così come lo è il limite della spesa giornaliera, a differenza dei prelievi il cui importo massimo è di 200 euro al mese.
L’apertura del conto online Revolut avviene seguendo pochi step, mentre per ottenere la carta fisica è necessario farne espressa richiesta.

Carta Prepagata Revolut: come funziona

La carta prepagata Revolut è a tutti gli effetti (nel momento in cui viene creato il conto corrente online) una carta virtuale che consente di effettuare pagamenti e accrediti di denaro in qualsiasi parte del mondo. Basta scaricare l’app di Revolut, creare un account, inserire i dati richiesti (nome, cognome, codice fiscale e una copia di un documento di riconoscimento) e caricare il conto online tramite una carta prepagata a propria disposizione oppure effettuando un bonifico bancario. Una volta attivato il proprio account l’utente riceverà gli estremi della carta virtuale il cui importo ed utilizzo potranno essere gestiti direttamente dall’applicazione.

A seconda dell’utilizzo che si vuole fare della carta si può scegliere tra la Revolut Standard e la Revolut Premium. Si tratta di due piani (il primo, quello standard, è gratuito mentre il secondo è a pagamento) che permettono di personalizzare il conto e la carta a seconda delle proprie esigenze: se si desidera una carta che consente prelievi maggiori ai 200 euro e la possibilità di utilizzare funzioni come le diverse assicurazioni richieste per chi viaggia all’estero è consigliabile optare per la carta Revolut nella versione Premium. Per i più esigenti è disponibile la versione Metal, una carta che consente di recuperare le proprie spese con un rimborso fino all’1%, anche sui pagamenti eseguiti mediante criptovalute.

La carta virtuale (cioè quella disponibile sul proprio cellulare) ha la funzione contactless, cioè permette di pagare spese di importo fino a 25 euro semplicemente poggiando lo smartphone sui POS o sui sistemi ATM.

Carta Prepagata Revolut: chi può usarla

La carta prepagata Revolut, nelle sue versioni, è adatta a chiunque necessiti di un sistema di pagamento non circoscritto al solo territorio italiano o europeo, ma che comprenda anche Paesi stranieri. Lo dimostra la possibilità di eseguire transazioni (pagamenti, prelievi, addebiti) in circa 150 valute estere, a cui si aggiunge soprattutto la capacità di gestire fino a 5 criptovalute tra quelle attualmente presenti. Per tale motivo Revolut è quindi adatta:

– ai privati, soprattutto per chi effettua acquisti o vendite online sui principali siti di e-commerce conosciuti in tutto il mondo;

– ai professionisti, come imprenditori e freelance, che ricevono pagamenti in qualsiasi valuta estera e che necessitano di sapere, in tempo reale, il miglior tasso di cambio applicato;

– a chi si affaccia per la prima volta al mondo delle criptovalute ma non vuole abbandonare i tradizionali sistemi di pagamento mediante carte prepagate;

– ai globetrotter o a chi, per lavoro, è sempre in viaggio e ha bisogno di un conto online e di una carta per prelievi in moneta straniera.

Insomma, la carta prepagata Revolut è ideale per chiunque si approccia con Paesi che non utilizzano l’euro e ha bisogno di uno strumento per pagamenti che sia allo stesso tempo versatile e innovativo, addirittura gestibile con una semplice app che può essere scaricata sul proprio smartphone e che funziona sia con il sistema Android che con iOS.
E se si opta per la versione fisica della carta in caso di furto o di smarrimento sarà possibile bloccarne l’uso direttamente dall’applicazione, potendo utilizzare l’opzione ”sblocca” per ripristinarne le funzionalità.

 

Carta Revolut Costi

A seconda della versione scelta, ossia la carta prepagata Revolut Standard, Premium o Metal, i costi possono variare e riguardare principalmente le funzioni associate al proprio piano. Certo è che la versione tradizionale, ovverosia la Carta Revolut Standard, non comporta alcun tipo di costo né al momento dell’apertura del conto online, né per quanto riguarda prelievi, bonifici e pagamenti. Una tariffa del 2% potrebbe essere richiesta per le transazioni superiori alle 500 sterline (poco più di 580 euro) o per i prelievi in contante, ma se ci si attiene ai limiti previsti si potrà ottenere un notevole risparmio. Se si richiede la carta fisica basterà pagare il costo di spedizione, pari a 5,99 euro.

La versione Premium della carta Revolut ha funzioni aggiuntive rispetto alla Standard, in quanto consente di accedere alle criptovalute, di prelevare fino a 400 euro al mese e di associare le assicurazioni per i viaggi all’estero come quella medica e quella per i ritardi dei voli. Per il piano premium la società Revolut richiede una tariffa di gestione pari a 7,99 euro mensili, a cui si aggiunge il 2% per i prelievi eseguiti da tutti i bancomat del mondo oltre i 400 euro.

La versione Metal, più completa, ha un costo di 13,99 euro al mese per la gestione del conto corrente. Con Revolut Metal è possibile prelevare fino a 600 euro e al superamento di tale soglia verrà addebitata la tariffa del 2% per i successivi prelievi. Da ricordare, però, che con Revolut Metal è possibile recuperare fino all’1% degli importi spesa mediante rimborso per tutti i pagamenti effettuati con la carta sia in Europa che all’estero.

Come richiedere la Carta Revolut

Per quanto riguarda l’apertura del conto corrente online è possibile procedere in due modi, ossia scaricando l’apposita app messa a disposizione dalla società Revolut, oppure consultando il relativo sito internet. In entrambi i casi si potrà accedere a differenti funzioni che consentiranno di configurare un account e di creare un conto corrente online personalizzato.

Il tutto seguendo pochi e semplici step che richiederanno, ad esempio, di inserire il proprio numero di telefono. Questi step serviranno soprattutto per configurare un account Revolut che permetterà quindi di scegliere il tipo di carta e di conto che si intende ottenere.

Per richiedere invece l’utilizzo della carta bisognerà distinguere tra versione ”virtuale” e versione ”plastificata”. La carta Revolut in versione virtuale viene generata immediatamente, accedendo alla sezione ”Carte” dell’app Revolut. Selezionando l’opzione ”Virtuale” essa apparirà direttamente sul proprio smartphone e potrà essere utilizzata solo per gli acquisti online. La società Revolut permette a ciascun utente di ottenere fino a 5 carte virtuali.

Per la carta prepagata Revolut in versione plastificata è necessario caricare il conto online per il pagamento delle spese di spedizione. Una volta provveduto a ciò, nella sezione ”Carte” dell’app bisognerà selezionare la voce ”Fisica” provvedendo all’inserimento di un indirizzo per la successiva spedizione. A seconda del tipo di spedizione scelto verrà addebitata la relativa spesa considerando che Revolut consegna in oltre 180 Paesi esteri.

 

Come ricaricare la carta Revolut

Essendo una carta associata direttamente ad un conto corrente online, la ricarica potrà avvenire in due modi: attraverso un bonifico oppure mediante l’utilizzo di un’altra carta prepagata. I due metodi sono necessari fin dall’apertura del conto e dalla richiesta della carta (nella versione sia virtuale che, soprattutto, plastificata) e potranno essere utilizzati ogni qualvolta sarà necessario incrementare il proprio saldo Revolut.

Per la ricarica tramite carta bisognerà accedere con la propria app nella sezione ”Aggiungi Fondi” e inserire i dati richiesti. Nello specifico andranno indicati il numero PAN di 16 cifre, la data di scadenza, il codice CVC e il codice postale o il CAP di fatturazione. Questi ultimi dati serviranno per il controllo di sicurezza le cui tempistiche variano da 1 fino a 5 giorni lavorativi.

Più complessa è, invece, la ricarica mediante bonifico bancario in quanto dovrà essere eseguito in modalità SEPA nonostante l’IBAN del conto Revolut sia inglese. Inoltre, come fa sapere la stessa società Revolut, bisognerà selezionare la valuta corretta nell’app considerando quella del conto Revolut di destinazione. Solo in questo modo si potranno evitare problemi nell’accredito delle somme e costi esorbitanti per quanto riguarda i tassi di cambio applicati dalle banche estere. Infine il codice IBAN del conto Revolut è disponibile sia nel momento in cui si aprirà il conto online, sia sull’app nella sezione ”dati del conto”.

Come verificare il saldo della Carta Revolut

Il saldo della carta Revolut può essere facilmente visualizzato sulla schermata principale della propria app, non appena si effettua l’accesso. La schermata, intuitiva e semplice da utilizzare, permette anche di verificare gli ultimi movimenti effettuati con la carta prepagata o con il conto corrente online. Inoltre è possibile convertire gli importi con la valuta desiderata, compreso il saldo disponibile, in maniera tale da avere a portata di mano i tassi di cambio aggiornati per eseguire ogni tipo di transazione.

Con l’app Revolut si può visualizzare e salvare sul proprio smartphone l’estratto del conto corrente online per avere un quadro chiaro delle operazioni che sono state eseguite in un determinato arco temporale. Per ottenere l’estratto conto basterà andare nella sezione ”Dettagli” presente alla voce ”Conto” dell’app Revolut, cliccare su ”Estratto” e selezionare l’intervallo di tempo di proprio interesse. L’estratto conto, disponibile in versione PDF o Excell, potrà essere visualizzato premendo il banner ”Ottieni estratto conto” e salvato in download sul telefono utilizzando l’icona ”esporta file” (posta in alto a destra sulla schermata principale). Il salvataggio può avvenire in automatico, mediante invio di un’e-mail o, addirittura, con un sms per garantire maggiore tutela e riservatezza dei dati in esso contenuti.

Infine può succedere che il saldo non sia aggiornato ad operazioni avvenute di recente, come ad esempio bonifici o ricariche. Infatti, per questioni di controllo sulla sicurezza potrebbe succedere che alcune operazioni impieghino fino a 3 giorni di tempo prima di essere visibili sul saldo Revolut.

 

Bitcoin e Criptovalute con Revolut

revolut bitcoin

Le carte prepagate Revolut sono abilitate per l’acquisto e lo scambio di criptovalute, ideali per chi utilizza questi sistemi di pagamento. Ovviamente, però, solo i piani Premium e Metal supportano questa opzione, essendo la carta prepagata Revolut Standard una versione più semplice ed economica. Sia Premium che Metal supportano fino a 5 criptovalute, scelte dalla società Revolut per la loro affidabilità e la loro diffusione. Le criptovalute in questione sono:

Bitcoin, (BTC), che permette di eseguire pagamenti e scambi senza l’intermediazione di un soggetto bancario o un ente creditizio;

Bitcoin Cash, (BCH), che rappresenta l’evoluzione dei BTC pur rimanendo sostanzialmente indipendente dai bitcoin;

Ethereum, (ETH), che si basa più che altro sui prestiti tra privati, facendo leva sul sistema peer-to-peer;

Litecoin, (LTC), una via di mezzo tra il BCH e l’ETH e sfrutta le potenzialità di un software blockchain per le varie operazioni bancarie;

Ripple, (XRP), nota per essere diffusa soprattutto tra professionisti ed imprenditori grazie alla velocità delle transazioni.

Con l’app Revolut disponibile sul proprio smartphone è possibile non solo gestire le criptovalute, ma anche convertirle in valuta nazionale, scambiarle, acquistarle e venderle semplicemente sbloccando la relativa funzione. Inoltre un conto a parte è dedicato proprio per le operazioni eseguite con criptovalute, per distinguerlo dal conto corrente principale.

Carta Revolut Opinioni

Le tre versioni della carta prepagata Revolut (Standard, Premium e Metal), assieme alle differenti funzioni associate a ciascuna di esse, fanno della carta Revolut uno dei migliori sistemi di pagamento per chi ha a che fare con l’estero.

Che sia per viaggio, lavoro o uso personale, le carte Revolut sono ideali sia per i costi di gestione abbastanza contenuti, sia per la possibilità di pagare nelle differenti valute straniere con il miglior tasso di cambio presente in un dato momento.

Per chi ha bisogno di una carta semplice ottima per gli acquisti nei principali negozi online sparsi in tutto il mondo è consigliata la versione Standard, a differenza di chi si sposta da un Paese ad un altro e ha bisogno di uno strumento versatile: per costui è di fatto consigliata la versione Premium.

Per i professionisti che effettuano pagamenti di notevole importo la versione Metal consente di ammortizzare, almeno in parte, le spese ma in tutti e tre i casi emerge una piccola pecca. Le carte Revolut non prevedono il 3D Secure, un protocollo di sicurezza adoperato soprattutto per le transazioni online.

L’app sullo smartphone è, a detta di chi già utilizza la carta Revolut, intuitiva e facile da utilizzare, così come lo è la richiesta della versione plastificata i cui tempi di spedizione sono abbastanza ridotti. La possibilità di gestire addirittura il blocco e lo sblocco della carta direttamente dal telefono permette inoltre di sospenderne l’uso anche per brevi periodi. Altra pecca pare essere l’assistenza immediata, soprattutto per chi cerca risposte sull’app Revolut: una funzionalità che però viene compensata dalla possibilità di ottenere consigli dalla community di Revolut.

 

Revolut Vs N26

Revolut Vs N26

Revolut Vs N26

Simili tra loro, Revolut e N26 si differenziano per diversi fattori che rendono adatte le due carte a seconda delle varie esigenze.
Pur avendo le sembianze di un conto online, Revolut è una carta prepagata nella versione virtuale e cartacea i cui fondi sono gestiti da due banche, la Lloyd’s e la Barclays. La N26 è, a tutti gli effetti, una carta di debito, meglio nota con il termine di Bancomat, essendo associata ad un conto corrente aperto presso una banca tedesca che fa affidamento sui fondi di tutela nazionale EDB e ESF.

Se Revolut può essere ricaricata esclusivamente tramite bonifico o carta prepagata, N26 accetta solo due metodi, ovverosia il bonifico e i contanti. Entrambe offrono ai clienti tre tipologie di piano, l’uno gratuito e gli altri due a pagamento, però pare che i costi di gestione richiesti da N26 siano leggermente maggiori rispetto a quelli previsti per Revolut Premium e Metal.

C’è da dire, però, che N26 non pone limiti ai prelievi mensili e non richiede costi di spedizione per l’invio a casa della carta in versione plastificata. Sia Revolut che N26 possono essere utilizzate all’estero e ciascuna fa fede al miglior tasso di cambio per gli acquisti in valuta straniera. Anche con N26 pare si possono gestire le criptovalute, ma Revolut punta su uno scambio facilitato soprattutto di bitcoin.

Per saperne di più sulla carta N26, LEGGI LA RECENSIONE

 

Leave a Reply